Apocalisse

pp. 102

Uscita: febbraio 2023

 

Traduzione di Giancarlo Pontiggia

libro

Il libro perfetto per

chi vuole una lettura in grado di mutare il corso della propria vita; per chi crede che l’invisibile sia più importante dell’apparente; per chi ama la grande poesia.

costo

18,00€

Disponibile

copertina

In copertina

Piero della Francesca, San Michele (1469 ca)
The National Gallery, Londra

descrizione

Descrizione

Tutto il creato, tutto l’uomo – perfino tu – è riassunto nel rotolo dell’Apocalisse, che sigilla il testo sacro, la Bibbia, facendolo esplodere, conferendogli infinita profondità. L’Apocalisse è il libro della rivelazione e della violenza – dacché il divino si esperisce nel sangue –; è il libro del riscatto e della grande vendetta; è il libro dell’Armaghedòn, della fine del mondo, e del mondo nuovo. Libro che va sussurrato con riverenza, inclinando la gola al canto, l’Apocalisse, soprattutto, è poema e peana, poesia che si fa incendio: alcune figure – l’Agnus Dei e il drago, la “donna vestita di sole” e “Babilonia la grande, madre di puttane”, i cavalieri su destrieri letali, gli scorpioni, le cavallette con “facce di uomini” – ricorrono nei versi della grande lirica occidentale, da Dante a Eugenio Montale, da William Blake a Friedrich Hölderlin e Rimbaud, e nel cinema di Ingmar Bergman e Andrej Tarkovskij. La versione poetica del libro più conturbante del canone biblico, ad opera di Giancarlo Pontiggia, tra i più potenti poeti italiani di oggi, rende aureo l’enigma, pone pionieri d’oro nel magma d’abisso. “Io vengo tra poco”, intima Dio. L’Apocalisse è dunque una preparazione marziale, un’unzione – la gioia sconfina nell’ebbrezza, il lavacro nell’ordalia.

Condividi su

Leggi l’estratto del libro

“E vidi un angelo che scendeva dal cielo e aveva la chiave di Abisso in mano, e una grande catena”

scelti

Potrebbe interessarti anche