La Casa di Claudine

pp. 246

Uscita: aprile 2022

 

Prefazione a cura di Paola Tonussi

libro

Il libro perfetto per

chi ama la tenacia della nostalgia, la provocazione della bellezza, il genio intransigente di Colette, la ribelle della letteratura francese.

costo

18,00€

Disponibile

copertina

In copertina

Agnolo Bronzino Madonna con bambino e Santi (1540-1545 ca), The J. Paul Getty Museum

autore

Autore

Colette – pseudonimo di Gabrielle Sidonie Colette – nasce a Saint-Sauveur-en- Puisaye nel 1873. A Parigi, sarà ballerina, mimo, attrice, critico musicale. Lancia mode, cammina sugli scandali. Con Chéri e La naissance du jour il genio letterario di Colette riformula canoni e splendori del romanzo. Anziana, immobilizzata al “lettozattera” nella casa al Palais- Royal, risponde a chi la sta intervistando: “Il desiderio della mia vita? E che me farei di un desiderio soltanto?”. Muore nel 1954, a Parigi.

descrizione

Descrizione

I brevi racconti che compongono La Casa di Claudine di Colette sono bagliori d’oro della memoria. Se il titolo richiama il celebre ciclo di romanzi della serie Claudine che le hanno dato fama, qui la monella in grembiulino è solo un pretesto d’autore: per ribadire, a vent’anni di distanza, che Claudine è creatura sua. Ma oggi la protagonista è Colette bambina, racconto della felicità e della meraviglia d’infanzia, e con lei la famiglia di esseri originali dominata dalla madre Sido, il padre Capitano, i fratelli Achille e Léo, gli animali di questa “vecchia casa natale” nel villaggio di Borgogna, gli abitanti di Saint Sauveur. Il piccolo libro esce nel 1922. Elegia e canto dell’immaginazione, la Maison non è però semplice ricreazione del passato, è un arco lanciato tra due sponde di desiderio: qui Colette orchestra per la prima volta il mito di Sido – ritratto a metà tra realtà e ideale –, la risacca di passato e presente confluiti in un unico alveo e la ricerca di sé, con stile che incide la luce. Il mosaico di seducenti apparizioni schiude “il segreto perduto che apriva (…) un mondo di cui ho cessato di essere degna”: poiché restiamo i bambini che eravamo, per scrivere o vivere dobbiamo scuotere fantasmi, questo intende Colette. “Il bisogno veemente di toccare, vive, pellicce o foglie, piume tiepide, la commovente umidità dei fiori”: eccola, tutta qui, la grazia di Colette. La Maison mette in scena i miti del cuore.

Condividi su

Leggi l’estratto del libro

Ascolta l’estratto del libro

Ascolta l’emozionante estratto del libro accompagnato da una melodia appositamente composta in armonia con parole del testo in collaborazione con Parole Sonore.

Recensione video del libro

Il canto dell’innocenza perduta di una donna libera e anticonformista, un mito della letteratura

Rassegna stampa