Hermann Broch

Hermann Broch nasce a Vienna nel 1886. Da ragazzo lavorò per qualche tempo nella fabbrica del padre, industriale ben affermato nel settore dei tessuti d’arredamento e dei tendaggi. Quando nel 1927 il padre morì, Broch vendette tutto e decise di dare una definitiva svolta alla sua vita…

Decise di studiare matematica, filosofia e psicologia. Ma la laurea non gli interessava davvero.

La sua carriera letteraria invece non iniziò che verso i quarant’anni e il suo primo romanzo vide la pubblicazione solo quando ne ebbe compiuti 45.
Iniziò a scrivere la sua opera principale, “La morte di Virgilio”, durante la reclusione nel campo di concentramento nazista dove rimase fino al provvidenziale intervento di James Joyce e di un altro paio di amici che riuscirono a farlo scarcerare, tutto sommato sano e salvo.

Morì a New Heaven nel 1951, in Connecticut, dopo aver aderito al Cattolicesimo.