Il Manifesto

1. OGNI PROGETTO NASCE DA UN BUON LIBRO

Individuiamo nella lettura una risorsa su cui investire e un valore sociale da sostenere attraverso azioni concrete e condivise.

2. LE PAROLE IDENTIFICANO E MATERIALIZZANO IL PENSIERO

Leggere allena a tradurre la realtà e a coglierne aspetti impensati.

3. L’ATTIVISMO RECUPERA SPAZI E OCCASIONI CULTURALI

Subire la tecnologia e accettare acriticamente il consumismo rendono impersonali i rapporti umani.

4. OGNUNO PUÒ DIVENTARE ATTIVISTA CULTURALE

Sentirsi attori del cambiamento è un modo per arginare il declino sociale. Ognuno può assumersi il compito di promuovere la conoscenza, proponendo idee e progetti per la diffusione della cultura.

5. “LA RIVOLUZIONE SIAMO NOI”

Dal il celebre manifesto dell’artista-sciamano Joseph Beuys (1971).
Il cambiamento riguarda tutti noi, indistintamente, che con le nostre azioni possiamo incidere nella storia: la scelta è tra restare spettatori o diventare attori del proprio futuro.

6. AUTORI, ARTISTI E LETTORI SVILUPPANO UN’EMPATIA COSTRUTTIVA

Il Brand Activism Culturale favorisce l’azione coordinata di nuove occasioni di contatto tra lettori, autori e artisti.

7. SI PUÒ PROMUOVERE LA CULTURA IN OGNI MODO

Il Brand Activism Culturale stimola la conoscenza di arte e letteratura in maniera semplice e diretta, tramite canali innovativi ed esperienze inaspettate e contemporanee.

8. ESSERE BRAND ACTIVIST CULTURALE È UNA RESPONSABILITÀ SOCIALE

Gli imprenditori attivisti, che già generano valore con la propria attività, si assumono la responsabilità e accrescono il loro ruolo, incentivando iniziative culturali sul territorio.

9. L’ATTIVISTA CULTURALE AGISCE PER IL CAMBIAMENTO

L’attivista coinvolge e sensibilizza un pubblico sempre più numeroso all’importanza della cultura.

10. OGNI NUOVO LIBRO STIMOLA IL PENSIERO E DIFFONDE CULTURA

Ogni libro ispirato al BAC, nasce come progetto indipendente per accrescere e diffondere ogni tipo di cultura in ambito sociale, coerentemente con i 9 principi del manifesto.